Sito Letterario Generale: Opere          Home Page del Sub-Sito di Fantascienza

 

 

  © Guido Pagliarino

 

ISOLA SU UN PIANETA LONTANO

 

Bevuta l'acqua di profonde fonti

infine riposarono, silenti.

 

Da dieci giri ormai torno alla stella,

poche le voci umane sul pianeta:

alta sul mare che avvolgeva il globo

un'isoletta ancora udiva, sola,

sonare il riso, risonare il pianto.

Non più sul mondo il continente grande

pieno di genti d'animali e piante:

solo la cima del più älto monte

era rimasta intenta al caloroso

sole che splende sulle intelligenze

sulle bestie e sui bruti, indifferente.

 

Rimasero in silenzio i due ragazzi,

lui con lo sguardo fisso verso il mare,

lei rimirando chi sa quale sogno;

ma quando un nembo gli nascose il sole,

al giovanetto sorse agli occhi come

una sorgente di liquore salso:

"Cosa faremo" chiese in un singhiozzo

alla compagna, "adesso che sepolti

abbiamo i miei e i tuoi, ormai che siamo

soli nel mondo?". Un ampio paio d'ali

azzurro e verde attraversava in quella

l'arco del cielo. "Chiameremo, intanto",

 rispose lei subitamente, un lieve

sorriso ad avvivare le parole,

"la nostra terra Nuovo Paradiso".

 

La nuvola lasciò libero l'astro

lentamente, e ïl sole su quei due,

non più geloso della propria gloria,

volse i suoi raggi come a benedire.

 

(1984)